Bruce Springsteen: Happy New Album 2019

Pink Cadillac Music

CREDIT: DANNY CLINCH FOR VARIETY

Eccoci a inaugurare un nuovo anno che – springsteenianamente parlando- speriamo si riveli ricco e promettente come quello che abbiamo appena salutato. Sì, perché se è vero che lo scorso anno non ha portato “fisicamente” Bruce a casa nostra (e due anni senza il Boss è una grande sfida alla nostra ansia e alla nostra impazienza), è anche vero che non siamo certo rimasti a bocca asciutta. Anzi. E non parliamo ovviamente della pubblicazione della sua seconda Album Collection – dedicata agli anni che vanno dal 1987 al 1996-, di quella dozzina di live storici comparsi, come promesso, il primo venerdì di ogni mese; i concerti di No Nukes 1979 come regalo di Natale; della sua playlist di rarità e b-sides -pubblicate tra il 1978 e il 2010 su 9 diversi EP – su Spotify che forse, per un artista quasi settantenne, basterebbero per accontentare…

View original post 513 more words

Advertisements

Published by

Paul Haider

I am proud to be an expatriate who escaped Trump's America filled with the White trash Trumpsters from dumpsters. I feel the Bern for my favourite Jewish socialist who isn't Jesus Christ. Obviously, I am a huge fan of Bruce Springsteen too.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s